Nobile 1942

Tutto ebbe inizio con Umberto Nobile, il nonno di Massimo, un nome che ha sempre avuto grande importanza nel mondo delle fragranze di lusso. Sin dai primi anni '30 è stato rappresentante dei profumi di Nina Ricci e nel 1942, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, decise di aprire una profumeria per la moglie a Roma. Divenne una tradizione di famiglia: il padre di Massimo, Benito, fece lo stesso per sua moglie a Napoli e anche il fratello di Massimo, che si innamorò di una donna toscana, aprì una profumeria per sua moglie. Mosso dall'amore per le cose belle e dalla passione tramandata di padre in figlio, Massimo ha fatto qualcosa di più. Tutto è partito da un'idea che Massimo ha avuto nella sua mente e nel suo cuore per anni, un'idea sempre più forte e sempre più grande col passare del tempo: "puoi provare a nasconderla ma un’idea deve seguire il suo flusso". Grazie alla passione per il mondo della profumeria acquisita nella sua famiglia e alla sua decennale esperienza nella grande maison Chanel, nel 2004, decise di creare con la moglie Stefania un marchio che rappresentasse in toto l'eleganza italiana in tutto il mondo. Non abbiamo mai seguito le tendenze: l'esempio principale è che nel 2011, quando il mondo occidentale della profumeria ha perso la testa per l'agarwood, Nobile 1942 lancia La Danza delle Libellule, un profumo alla vaniglia, che è diventato il nostro best seller in tutto il mondo.